L’11° immolazione in Tibet

nov 04, 2011 No Commenti da

Un tibetano si dà fuoco a Delhi davanti all’ambasciata cinese
Ieri una monaca si era auto-immolata per protestare contro la repressione del governo cinese e per chiedere il ritorno del Dalai Lama. E’ l’undicesima auto-immolazione dell’anno di monaci e monache in seguito alla repressione più dura da parte degli occupanti cinesi.
Delhi (AsiaNews) – Sherab TseDor, un tibetano, ha cercato di darsi fuoco oggi a Delhi di fronte all’ambasciata cinese in segno di protesta contro la repressione scatenata nei confronti dei tibetani, che ha provocato undici auto-immolazioni di monaci e suore, l’ultima ieri. E’ stato ricoverato con ustioni sul 10 per cento del corpo. Un comunicato afferma che “vista la disperazione e l’impossibilità di agire, 11 tibetani fra cui due monache si sono auto-immolati dal marzo di quest’anno. L’ultimo caso è del 3 novembre, e tutti chiedevano la libertà e il ritorno di sua Santità il Dalai Lama in Tibet”.
Il governo cinese, continua il comunicato, “invece di guardare all’aspirazione alla libertà e ai diritti umani del popolo tibetano segue la politica della repressione, e viola completamente l’impegno internazionale sui diritti umani fondamentali. E continua a denunciare il Dalai Lama con una falsa propaganda”.Il comunicato sottolinea che questi avvenimenti tragici sono un chiaro segno del risentimento profondo che i tibetani nutrono verso la politica del governo cinese sul Tibet, e “chiede con forza che il governo cinese ponga fine immediatamente alla politica repressiva in atto”. Il comunicato afferma: “Oggi il Sherab TseDor mi sacrificherò davanti all’ambasciata cinese per protestare contro la repressione cinese. Prego e chiedo che i leader del mondo e gli uomini di pace facciano qualche cosa per la causa del Tibet. Stiamo morendo, ed è responsabilità morale di chiunque ami la libertà appoggiarci”.
Ieri una monaca tibetana si è data fuoco per protestare contro l’oppressione cinese. Palden Choetso, o Choesang, 35 anni, del monastero di Darkar Choeling, a Twu (cinese Daofu) nella provincial del Sichuan si è data fuoco gridando “Tibet libero”, e “Lunga vita al Dalai Lama”. La monaca è morta in seguito alle ustioni. (n.c.)

fonte sangye.it

News

Info sull'autore

L’associazione ha lo scopo di promuovere la conoscenza della cultura tibetana

Ti potrebbe interessare...

Nessuna risposta a “L’11° immolazione in Tibet”

Lascia un commento