Arrestato un funzionario tibetano

mag 18, 2011 No Commenti da

Il digiuno ad oltranza per protesta dei tibetani a Delhi.

Il digiuno ad oltranza per protesta dei tibetani a Delhi.

Un funzionario tibetano di Thangjuk (Contea di Dzakhog, Tibet orientale) è stato arrestato il 1°maggio per aver scritto su fogli di compensato slogan inneggianti alla libertà del Tibet e di augurio di lunga vita al Dalai Lama. Si tratta del trentaquattrenne Lobsang Palden, sovraintendente alla costruzione di uno stupa nella sua cittadina. All’interno e nelle vicinanze della sua abitazione, perquisita dalla polizia, è stato trovato materiale definito “separatista”. Palden è stato immediatamente tratto in arresto e sembra che la sua famiglia non ne sia ancora stata informata. Le autorità cinesi hanno inoltre fatto sapere che è in corso la ricerca di tre giovani tibetani fuggiti dopo aver dato vita a una manifestazione di protesta con affissione di volantini in cui si chiedeva l’indipendenza del Tibet. Non avendoli ancora trovati, la polizia ha fermato e multato i genitori dei tre ragazzi. In seguito all’inasprirsi della situazione in Tibet, un gruppo di otto tibetani ha dato inizio il giorno 2 maggio a una marcia di 250 miglia che in sei giorni li porterà da New York a Washington DC. La marcia, alla quale strada facendo si uniranno molti sostenitori e amici del Tibet, terminerà davanti all’Ambasciata cinese dove sarà chiesto il rilascio dei trecento monaci arrestati a Kirti e la fine dell’assedio in atto al monastero. La marcia è organizzata dalle associazioni Students for a Free Tibet, New York – New Jersey Tibetan Association, dall’Associazione Donne Tibetane e dal Tibetan Youth Congress.

Lo sciopero della fame dei tre tibetani del Tibetan Youth Congress iniziato a New Delhi il 25 aprile è entrato ormai nel 12° giorno (nella foto i tre digiunatori sotto la tenda che li ospita). Con una temperatura di circa 40 gradi e un sostentamento esclusivamente idrico, le loro condizioni fisiche stanno rapidamente peggiorando. Il TYC chiede l’immediato allontanamento delle truppe cinesi dal monastero di Kirti e la fine della campagna di rieducazione patriottica. Chiede inoltre che a una delegazione del movimento sia concesso di entrare nel paese per verificare la reale condizione dei prigionieri politici in Tibet.

fonte sangye.it

News

Info sull'autore

L’associazione ha lo scopo di promuovere la conoscenza della cultura tibetana

Ti potrebbe interessare...

Nessuna risposta a “Arrestato un funzionario tibetano”

Lascia un commento