Le auto-immolazioni dei monaci “icona della sofferenza del popolo tibetano”

gen 07, 2012 No Commenti da

Parla il direttore del Tibetan Centre for Human Rights and Democracy: “Il genocidio culturale e il controllo delle nascite sono le armi con cui Pechino vuole metterci a tacere. Se la Cina non cambia registro, il 2012 sarà un anno di spirale negativa per i diritti umani del nostro popolo”.

Le auto-immolazioni dei monaci tibetani “rimarranno per sempre nella memoria, un’icona della continua sofferenza e delle continue violazioni dei diritti umani della popolazione tibetana a opera del regime cinese. Pechino ha scelto una volta di più la forza e vuole mettere a tacere le voci di chi chiede libertà, invece di ascoltare le proteste”. Tsering Tsomo, direttore esecutivo del Tibetan Centre for Human Rights and Democracy, commenta così per AsiaNews la continua repressione del Tibet e delle province cinesi a maggioranza tibetana.

Negli ultimi 9 mesi, 13 fra monaci e monache buddisti hanno scelto di darsi fuoco in pubblico per protestare contro le violenze cinesi e l’esilio del Dalai Lama. Le immagini di questi religiosi in fiamme hanno fatto il giro del mondo, scatenando un acceso dibattito sulla scelta estrema da loro compiuta. Lo stesso Dalai Lama ha più volte chiarito che il buddismo tibetano “non ammette il suicidio” e ha chiesto ai suoi monaci di “usare la pazienza e la compassione” invece di togliersi la vita. Al contrario, alcuni gruppi estremisti di tibetani in esilio hanno scelto di usare queste auto-immolazioni come forma di lotta contro il regime cinese.

Secondo Tsomo, 36enne nato in esilio in India, “la comunità internazionale conosce bene le sofferenze dei tibetani che vivono in Tibet. In modo particolare, il regime comunista ha aumentato la repressione contro le donne: secondo alcune nostre fonti, le autorità locali hanno aumentato l’uso del controllo delle nascite e implementato la legge del figlio unico”. Secondo la stessa legge, invece, le minoranze etniche non sono soggette all’obbligo di procreare una volta sola.

Il problema è anche culturale: “La propaganda cinese utilizza la lingua e l’ideologia cinese, con cui educa i nostri ragazzi. Si tratta di un’enorme violazione dei diritti umani, proprio un genocidio culturale. Ma è nell’interesse della stessa Cina mantenere calmo il Tibet, dato che la stabilità della provincia è fondamentale per l’equilibrio del Paese. Tuttavia, se non succede qualcosa in fretta, il 2012 diverrà un anno fatto di spirali sempre più negative”.

fonte asianews.it

News

Info sull'autore

L’associazione ha lo scopo di promuovere la conoscenza della cultura tibetana

Ti potrebbe interessare...

Nessuna risposta a “Le auto-immolazioni dei monaci “icona della sofferenza del popolo tibetano””

Lascia un commento