Torturati in carcere e condannati 2 monaci tibetani per avere protestato

mag 13, 2011 No Commenti da

TIBET_Monks_chinese_policeDharamsala (AsiaNews) – I monaci Trulku Jangchub e Pesang del monastero Jophu, contea di Jomda prefettura Chamdo nel Tibet, sono stati condannati a 3 anni e a due anni e mezzo di carcere per avere protestato contro un esproprio terriero. Lo denuncia il Centro Tibetano per i Diritti Umani e la Democrazia (Tchrd).

La sentenza è di marzo, ma è stata conosciuta solo nei giorni scorsi. Alla fine del 2009 le autorità cinesi decisero di appropriarsi di terreno del monastero Jophu, per “ragioni di sviluppo”. I monaci protestarono rivendicando la antica proprietà delle terre, spalleggiati dalla popolazione locale. Nel dicembre 2009 la polizia ha arrestato Trulku per avere guidato le proteste e nel gennaio 2011 è stato incarcerato Pesang per analoghe ragioni.

Thrcd denuncia che i due monaci sono stati torturati in carcere, al punto che Pesang ora è ricoverato in ospedale.

I monaci tibetani si oppongono alla dominazione cinese, con proteste ferme ma pacifiche e non violente. La polizia cinese, al contrario, colpisce in modo sistematico i monasteri tibetani e i monaci, nel tentativo di porre in essere un vero genocidio culturale per stroncare le radici religiose della opposizione dei tibetani. Negli ultimi anni centinaia, forse migliaia di monaci e suore tibetani sono stati pestati, arrestati e condannati, mentre interi monasteri sono sottoposti a corsi obbligatori di “educazione politica”.

fonte asianews.it

News

Info sull'autore

L’associazione ha lo scopo di promuovere la conoscenza della cultura tibetana

Ti potrebbe interessare...

Nessuna risposta a “Torturati in carcere e condannati 2 monaci tibetani per avere protestato”

Lascia un commento